Ho incontrato Valeria sul web diversi anni fa e ho potuto ammirare la sua evoluzione artistica di anno in anno. La sua grafica e’ pulita e colorata e applica il disegno con passione sia sugli oggetti da indossare, sia sulle tele che dipinge.
Indosso alcune sue creazioni, confesso! Anzi, dovreste visitare la sua pagina facebook o quella instagram per capire quanta maestria e inventiva mette in cio’ che crea.

-Hai un’idea precisa in testa? oppure inizi a sperimentare? Come procedi: idea-progetto-realizzazione.
Diciamo che ho una traccia, dalla quale poi cammin facendo mi distanzio e mi riavvicino fino ad ottenere un risultato che mi soddisfi.
Lascio anche fare un po’ al caso e ai colori e mi lascio trasportare dal momento tenendo comunque ben presente dove voglio arrivare.

-Fai schizzi? oppure vai direttamente sul tessuto/tela/supporto?
Faccio un sacco di schizzi, ho un sacco di sketchbooks. Peccato che poi quando vado sulla tela decido quasi sempre diversamente dallo schizzo.
Comunque fare tanti schizzi mi serve da brainstorming.

-Che materiali usi? cosa ti piace ora? e cosa hai abbandonato?
Quanto spazio ho? Tantissimi perche’ lavoro a diverse cose, dalle borse quindi tessuti, pelli, fili, ai quadri per i quali uso colori acrilici e pennarelli. Ora sto lavorando a una collezione di bijoux su carta per acquerello e ritagli di giornale. Una cosa che ho abbandonato sono i colori a olio, sono meravigliosi, ma credo siano adatti ad artisti piu’ introspettivi e riflessivi, io ho bisogno di piu’ immediatezza.

-Insegnaci un trucchetto che non sa nessuno (siamo tra di noi)
Per dipingere sul tessuto vanno benissimo i colori acrilici, non vanno via nemmeno in lavatrice, ma non ditelo a chi produce quelli per tessuto.

-Hai dei libri/autori/artisti di riferimento?
Un libro che ha cambiato la mia prospettiva e che consiglio a tutti i creativi e’ Big Magic di Elizabeth Gilbert.
Per quanto riguarda gli artisti su tutti Frida e Diego Rivera che amo da tempi non sospetti quando non erano ancora mainstream, Modigliani, Toulouse-Lautrec, Botero, Jean-Michel Basquiat, Andy Warhol.
Tra i contemporanei adoro Yayoi Kusama e Takashi Murakami. Parlando di artisti sardi tra le mie preferite ci sono Edina Altara e le sorelle Coroneo.

-Pensi a un pubblico specifico oppure fai cio’ che piace a te e basta?
No solitamente faccio quello che mi piace, il pubblico specifico e’ quello che apprezza il fatto a mano e le creazioni originali, a prescindere dall’eta’ e dalla fascia di prezzo. Lavoro anche a dei pezzi su richiesta personalizzati.

-Almeno tre cose che vuoi fare da grande.
Vorrei continuare a fare quello che faccio e farlo sempre meglio!

-Parlaci del tuo spazio a Macomer
Un laboratorio vero e proprio: si 8zero il mio studio/laboratorio passo qui la maggior parte del mio tempo, ogni giorno qui nascono nuove creazioni. Spero che le persone passando qui davanti ed entrando, riescano a percepire la creativita’ e la freschezza e la novita’ di un posto come questo e si possano perdere fra i colori e le illustrazioni. 8zero e’ sempre aperto non solo per fare acquisti, ma anche solo per una chiacchierata e una sbirciatina al laboratorio. Poi ci sono i corsi creativi, almeno una volta al mese organizziamo un gruppo per sperimentare nuove tecniche, bere un the e giocare con i colori .


-un “felice” errore che ti ha fatto scoprire una tecnica.
Una volta nel disordine totale mi e’ caduto del colore per tessuto su una busta di plastica che accidentalmente e’ finita su una T-Shirt, ecco ora questa e’ una tecnica di stampa manuale che uso tantissimo, la plastica crea della textures fighissime.

Il Laboratorio di Valeria si trova a Macomer, Nuoro, in Corso Umberto I, al numero 80.
Se siete in Sardegna dovete per forza fare una tappa da lei. Ma se volete acquistare senza andare sull’isola, basta contattarla su Instagram e facebook.

Share
Translate »
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://stefaniamorgante.com/ritratti-abbozzati-innovazione-e-antiche-tradizioni-nello-spazio-8zero">